venerdì 17 agosto 2012

Lei non sa chi sono io!





Acqua azzurra

di Massimo Gramellini

Sloggiati a forza dalle calette proibite della Maddalena, i possidenti di megayacht reagiscono con accenti che mescolano lo stupore all’arroganza, minacciando di non tornare mai più in Sardegna. Sono oligarchi russi, principi tedeschi, evasori italiani. Vorrei li accompagnasse il mio personale augurio di buon viaggio. Vadano a inquinare le coste croate, francesi o lillipuziane: qui da qualche tempo si cerca di diventare un Paese povero ma serio. È il risvolto ironico di questa estate deprimente. Finché eravamo la patria dei finti divieti e degli scontrini fantasma, il mondo degli ultraricchi ci frequentava disprezzandoci. Adesso che cominciamo a pretendere il rispetto delle regole, i moralisti di ieri si indignano per l’inaudito capovolgimento del luogo comune che ci vuole accomodanti e servili. E usano l’unica arma a loro disposizione, i soldi. Così ogni slancio di pulizia viene sottoposto al ricatto economico, che purtroppo la crisi rende particolarmente efficace.

In effetti avremmo potuto scegliere un momento più propizio per redimerci, ma abbiamo accumulato ritardi ventennali e, come tutti i ritardatari, ci tocca fare i compiti all’ultimo minuto. Siamo a metà del guado: non abbiamo più i vantaggi che garantiva l’illegalità e non intravediamo ancora quelli che verranno dall’onestà. Ora, delle due l’una. O torniamo indietro e ci perdiamo per sempre. Oppure andiamo avanti, fino a quando cominceremo ad assomigliare a quello che da sempre dovremmo essere: un paradiso da contemplare e non da usare.



Me lo auguro il suo augurio,ma sarà dura scrollarsi di dosso il "lei non sa chi sono io",l'ostentazione della ricchezza sudata o frodata che sia.Ma quando le regole vengono invocate dal popolo o dal popolino,non se ne sono preoccupati alcuni secoli fa durante la rivoluzione francese,non rotoleranno più teste ma un pò di giustizia sociale,forse quella si!

&& S.I. &&

per eventuali notifiche - iserentha@yahoo.it

1 commento:

cristiana2011 ha detto...

Ad essere ottimisti, ci vorranno almeno un paio di generazioni 'diverse', perchè noi si perda la nomea dei corruttibili a tutti gli effetti.
Cristiana