mercoledì 30 maggio 2012

No alla parata del 2 giugno a Roma


La vignetta di Giannelli - Dal Corriere della Sera

[ vignetta di Giannelli ]

La parata più bella

di Massimo Gramellini

Che senso ha la parata del 2 giugno con l’Emilia a pezzi che piange i suoi morti? Il quesito, che sarebbe considerato blasfemo in Francia, qui può sembrare velleitario, dal momento che il Capo dello Stato ha deciso di confermare la cerimonia dei Fori Imperiali, sia pure improntandola alla sobrietà. Però vale egualmente la pena di porselo. Sgombriamo il campo dalle pregiudiziali ideologiche, che condannano la sfilata delle Forze Armate in quanto manifestazione muscolare. E sforziamoci di sgombrarlo anche dai condizionamenti emotivi che in queste ore ci inducono a considerare uno spreco di risorse qualsiasi iniziativa dello Stato che non consista nel portare sollievo alle popolazioni emiliane in apnea. I soldi per la parata sono già stati quasi tutti spesi. Con quel poco che resta si finanzierebbe al massimo la ricostruzione di un comignolo. Andrebbe ricordato a quella genia di politici in malafede che cercano di agganciare l’umore popolare con proposte furbastre, ma si guardano bene dal devolvere a chi soffre le cifre ben più consistenti che si ricaverebbero dalla drastica riduzione del numero dei parlamentari.

La domanda che la coincidenza fra celebrazione e tragedia riporta alla ribalta è un’altra: nel 2012 ha ancora senso festeggiare la Repubblica con un rito così poco sentito dalla maggioranza dei cittadini? Ogni comunità ha bisogno di riti e di simboli. Ma sono le religioni che li mantengono inalterati nei secoli. Non gli Stati. Non tutti, almeno. Penso sommessamente che quest’anno il 2 giugno si onori di più la Repubblica andando fra i terremotati che fra i carri armati.




Non sarebbe importante l'entità dei fondi rinunciando alla parata,ma si darebbe un segnale umanitario verso le popolazioni terremotate,concordo nell'evitare la sfilata e di portare il tricolore tra quelle terre nel cercare di dare il più possibile sollievo,quella sarebbe la commemorazione di uno Stato serio.

&& S.I. &&


per eventuali notifiche


iserentha@yahoo.it

3 commenti:

Gianna ha detto...

Condivido pienamente!

cristiana2011 ha detto...

E chi glielo dice a LaRussa?
Cristiana

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Confido nella ragionevolezza,anche se in Italia ormai ce la siamo persa da parecchio tempo!