domenica 24 luglio 2011

I ladri,i Penati e Bersani caduto dal pero!



I ladri e i Penati

di Marco Travaglio

Gentile on. Pierluigi Bersani, giorni fa abbiamo posto alcune domande all’on. D’Alema sui politici a lui vicini finiti nei guai giudiziari e abbiamo avuto la fortuna di ricevere una risposta (salvo poi essere definiti “giornale tecnicamente fascista”). Ci riproviamo con Lei, nella speranza di ottenere una risposta (preferibilmente senza insulti). Una premessa: noi non pensiamo che Lei si sia macchiato di reati, né che i reati eventualmente commessi da qualcuno del Suo staff ricadano su di Lei. La responsabilità penale è personale. Ma quella politica no. Parliamo di “culpa in eligendo”, la stessa che ha portato il premier britannico Cameron a scusarsi prima col suo popolo e poi col Parlamento per aver nominato un portavoce troppo vicino a Murdoch. Portavoce dimissionato su due piedi, anche se né lui né tantomeno Cameron avevano fatto nulla di penalmente rilevante. Cameron si è scusato “solo” per aver scelto il braccio destro sbagliato. Ora, on. Bersani, il caso vuole che Lei, quand’era ministro delle Attività produttive, avesse come suo consigliere Franco Pronzato, ora arrestato per aver preso una tangente da un’azienda che aveva appoggiato all’Enac in una gara d’appalto (accusa ammessa dallo stesso Pronzato, che ha chiesto di patteggiare): Pronzato infatti era contemporaneamente Suo consigliere, responsabile Pd per i Trasporti e membro del Cda dell’Enac. Cosa Le è saltato in mente di nominare un personaggio in così palese conflitto d’interessi fra politica e affari? Lei può dire che non sapeva che Pronzato prendesse tangenti, ma non che ignorava il suo conflitto d’interessi, visto che all’Enac l’aveva indicato proprio il Suo partito. Ancor più grave è il caso di Filippo Penati, ex sindaco di Sesto San Giovanni ed ex presidente della Provincia di Milano, ora vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia, l’uomo che Lei, divenuto segretario del Pd, nominò capo della Sua segreteria: insomma il Suo braccio destro. Adesso Penati è indagato per corruzione, concussione e finanziamento illecito con l’accusa di aver ricevuto, per sé e per il partito, tangenti da imprenditori interessati a speculazioni edilizie sull’area ex Falck di Sesto. Il costruttore Pasini racconta che Penati gli chiese 20 miliardi di lire nel 2000-2001 e ne ottenne oltre 5 tramite due intermediari, con pagamenti in Lussemburgo e in Svizzera, poi dovette pagare 1,25 miliardi per affari nell’area ex Marelli e altri 2 miliardi in finte consulenze a due emissari delle coop rosse. Alcuni versamenti sono documentati da carte bancarie ricevute per rogatoria dalla Procura di Monza. E le accuse di Pasini sono già state confermate dal presunto intermediario penatiano, l’imprenditore Di Caterina, che a sua volta racconta di essere stato “spremuto come un limone” - cioè costretto a pagare per anni fino a 100 milioni di lire al mese per poter lavorare - da Penati e dal Suo partito. Che Penati avesse un concetto piuttosto elastico, diciamo pure allegro, dei rapporti politica-affari, lo dimostravano già ampiamente le intercettazioni uscite anni fa tra lui e il costruttore Gavio nella sporca faccenda della Milano-Serravalle, costata un patrimonio alla Provincia di Milano: Penati chiamò Gavio dicendo che Lei gli aveva dato il numero privato. Lei ha liquidato l’inchiesta su Penati come “roba vecchia”: ma, se anche fosse, questa per Lei sarebbe un’aggravante, visto che in tutti questi anni non s’è accorto di quel che faceva chi Le sta accanto. Immaginiamo cosa sarebbe accaduto senza le indagini. Tra un paio d’anni Lei avrebbe potuto vincere le elezioni, diventare premier e portarsi al governo i suoi due più stretti collaboratori: Penati sottosegretario alla presidenza del Consiglio e Pronzato ministro dei Trasporti. Salvo magari scoprire che erano due corrotti. Visto il Suo fiuto da rabdomante nella scelta dei fedelissimi, è proprio sicuro di essere il miglior candidato del centrosinistra alle prossime elezioni? In attesa di un Suo cortese riscontro, porgiamo distinti saluti.



Per la serie di quanto stia diventando sempre più "tecnicamente fascista",il Fatto quotidiano,quel "fascistone" di Travaglio va giù duro anche sul diamoci da fare Bersani,gli interrogativi dell'articolo risultano molto pesanti,e in una qualsiasi democrazia "normale",quella italiana non lo è,l'attuale Segretario del secondo partito nazionale,organizzerebbe un'importante comunicazione stampa per giustificare gli eventi o nel presentare le dimissioni.

Come disse Beppe Grillo da tempo,il Pd non è nient'altro che il Pd-L.


Parola di quei tecnicamente fascisti del Fatto quotidiano e dei suoi lettori!


[@#& blog Freedom &#@]

2 commenti:

francesco ha detto...

il PD ha mille difetti e sono io il primo a dirlo; da qui a dire che sia uguale al PDL c'è un oceano. lo dimostra il fatto che ha votato a favore dell'arresto di un suo parlamentare ed anche sulla vicenda Penati (che mi sa tanto di trappolone, per chi come me conosce le questioni politiche milanesi) il modo di comportarsi è stato diametralmente opposto.

poi, ripeto, il PD può non piacere però.....

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Sicuramente per diventare uguale ce ne corre ancora,ma con ciò che sta emergendo le similitudini paiono sempre più focalizzarsi.