giovedì 6 maggio 2010

L'intervista alla vittima di pedofilia da parte di un prelato



di Beatrice Borromeo

“Diceva che era tutto normale, che anche la Madonna aveva partorito Gesù a dodici anni: don Cantini mi ha violentata per quindici anni e poi la Diocesi di Firenze ha provato a insabbiare tutto, nonostante le denunce”. Oggi Mariangela Accordi ha 48 anni, è un’insegnante. È sposata. Ma quando ne aveva 10, don Lelio Cantini, il prete della parrocchia fiorentina che frequentava, ha cominciato ad abusare sessualmente di lei. Nel 2005, Mariangela ha denunciato tutto al vescovo ausiliario di Firenze, monsignor Maniago (vedi articolo qui sotto). Non successe nulla. E nella Giornata mondiale contro la pedofilia, Mariangela e le altre vittime si scontrano con monsignor Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, che non le ha mai ricevuteechehaconfermatoManiago come suo vice.

Mariangela, l’arcivescovo Betori dice che voi vittime non l’avete mai cercato.

È una risposta ignominiosa. Hanno riscritto il Vangelo: le pecore devono andare dal buon pastore, tirargli la camicia e dirgli: “Oh, ci siamo, perfavore!”.Sevoglionosaperecome sono andati i fatti, devono incontrare le vittime, non evitarle.

Perchésecondoleinonviincontra?

Ha paura che gli chiediamo: perché ha riconfermato Maniago, perché non andate fino in fondo?

Ieri era la Giornata mondiale contro la pedofilia.

E proprio ieri la Chiesa avrebbe dovuto pensare a noi. Quel poco che è stato fatto, è solo grazie alla nostra volontà di andare avanti. Fosse per la curia fiorentina, si sarebbe insabbiato tutto.

Su quali basi lo dice?

Andaiinsiemeconmiopadreemia sorella dal cardinale di Firenze, Ennio Antonelli, dopo che don Cantini era stato trasferito a Mucciano. Mi disse: “Io cosa ci posso fare?”.

Perché don Cantini è stato trasferito?

L’hanno mandato a Mucciano, con la scusa di un prepensionamento, dopo le nostre prime denunce. Gli hanno anche fatto una festa di addio quando si è ritirato! È andato a rimettere a posto la parrocchia del luogo, in più d’estate si occupava dei bambini. E nessuno ha avvertitolefamigliediMuccianodelmotivo per cui era stato trasferito. Lì agiva ancora più indisturbato di prima.

E quando lo avete saputo, come avete reagito?

Ero incredula. Sono andata a denunciare tutto a monsignor Maniago, che era già vescovo ausiliario di Firenze: “È tutto qui quello che riuscite a fare?” gli ho chiesto. Sono andata dandogli fiducia, sperando che trovandosi davanti una persona che aveva subìto abusi per quindici anni, avrebbe capito.

Cos’ha risposto?

Che non bisogna essere vendicativi.

Il peccatore che viene perdonato.

Gli ho detto: “Guarda che per me è stato faticoso non credere più a tutto quello che mi aveva insegnato don Cantini. Io davanti agli occhi ho gli abusi, tu no, caro Maniago. Te lo sto dicendo in faccia che queste cose sono successe”. Io ho dovuto ricominciare la mia vita. L’avevo improntata tutta sugli insegnamenti di don Cantini. A volte viene veramente la voglia di aprire la finestra e buttarmi giù.

E monsignor Maniago?

Lui volle convincermi che tutto quello che ci aveva insegnato don Cantini era giusto. Mi disse: “Don Cantini è un mistero”. Disse di mettere da parte gli abusi e di concentrarsi sul fatto che ci aveva mostrato come pregare, cos’è la Bibbia, come sentire la parola di Gesù. Per lui quella era la verità, e il resto era una semplice debolezza. Don Cantini è stato accusato pure di dominio delle coscienze. Ma Maniago diceva che era comunque un grande uomo.

Insomma, nessuna azione contro don Cantini. Mi sono congelata. Tutto quello che ero riuscita a tirare fuori, monsignor Maniagocercavadi ributtarlo dentro. Cercò di dissuaderla dal denunciare pubblicamente tutto? Disse : “Attenzione, se parli, se scandalizzi chi crede nella Chiesa, sei colpevole quanto il pedofilo”. Poi aggiunse: “Ti conviene davvero perdere la faccia? L’opinione pubblica non ti capirà”. Per reazione ho deciso di andare ad Annozero.

Le cose hanno incominciato a cambiare solo quando la stampa nazionale le ha portate alla luce.

E meno male che un’enciclica dice: “La verità vi renderà liberi”. Non è vero. Loro la verità non la vogliono. Hanno la cultura del silenzio. Sono terrorizzati dal fatto che l’opinione pubblica sappia.

Ora che la Chiesa sta cercando di ricostruirsi un’immagine, perché Betori riconferma monsignor Maniago a vescovo ausiliario di Firenze nonostante il suo comportamento omertoso?

Glielo chiedo anch io: perché? Dicono di voler ripulire la chiesa, ma perché non a Firenze? Perché la Chiesa dice ai vescovi di denunciare i pedofili e poi si tiene stretta una persona come Maniago che si è comportata nel modo opposto?

Don Cantini abusava solo di lei?

Sono convinta che ci siano passate tutte le altre bambine del catechismo, anche quelle che non l’hanno detto pubblicamente. Ricordo le loro facce davanti a me, quando si era in fila e si aspettava.

Quando si aspettava cosa?

Di entrare a colloquio con don Cantini. Mi ricordo quanto tempo stavano e soprattutto le loro facce quando uscivano. Come la mia.

Abusava di voi in questi colloqui?

Sì, nel suo studio. Quel maledetto studio dove il prete ci violentava. Ora lo usa il nuovo parroco. Ma come si può continuare a lavorare in un posto simile?

Quanti anni aveva lei quando gli abusi sono iniziati?

Dopo la comunione: avevo nove, dieci anni.

Come ha fatto don Cantini a convincervi a non raccontare tutto ai vostri genitori?

È stato un lavoro lungo, con noi e anche con le nostre famiglie: si è prima guadagnato la stima dei nostri genitori. Con me faceva così: mi chiamava per darmi lezioni private di catechismo dicendo che ero speciale. Per me e per altre ragazze questo era un onore. Poi ci dava ruoli sempre più importanti, per esempio mi aveva nominata primacoristainchiesa.Nell’ufficio ha cominciato a prendermi sulle ginocchia, poi a chiedermi un bacio sulla guancia. È stata una cosa graduale. Poi ha cominciato a chiudere la porta a chiave.Mi diceva chel a Madonna ha partorito Gesù a dodici anni, che faceva tutto quello che il Signore le chiedeva.

Quindi non era fisicamente violento?

Lui non ha usato violenza, o almeno io non l’ho riconosciuta come violenza per tanti anni. È ben diverso da uno stupro: è cuocere la tua preda lentissimamente, prenderne via via un pezzetto. Quando mi faceva bere il suo seme, nei rapporti orali completi, diceva che era un atto di comunione incredibile, di quelli che avvenivano solo nel giardino dell’Eden. Era la vera eucarestia, un modo per essere in comunione perfetta con lui.

Come ha fatto a ribellarsi?

Mi sono sposata, non l’ho più visto. Da quel momento non faccio più niente se non sono sicura che sia una mia scelta, solo mia.

Il Papa ha ricevuto alcune delle vittime dei preti pedofili a Malta, vorrebbe incontrarlo ?

Sì, glielo chiedo qui, ora. M’incontri, mi ascolti, conosca la verità. Sua Santità, faccia chiarezza perché lei si sta dando da fare, ma altri uomini importanti, dentro la sua Chiesa, chiudono gli occhi.




Il particolare più orribile è che il carnefice non solo di questa bambina,diventata donna,ma di molte altre vittime,è sempre stato libero,difeso e coperto dal clero e trasferito per anni in un posto più tranquillo per poter continuare le sue "pratiche",fortunatamente la storia sta avendo uno strascico mediatico,e mi auguro che altre vittime alzino finalmente la testa.
Certo è che se la chiesa,il Vaticano nella fattispecie continuerà la pratica dei trasferimenti e delle protezioni,otterrà il risultato d'avere sempre meno credito.

@ Dalida @

2 commenti:

Tommaso Galli - Edoardo Gentili ha detto...

Tutto chiaro il procedimento psicologico che il carnefice imprime nelle vittime, del tutto lampante la situazione in cui la vittima si trova durante e dopo il periodo di abusi...ma...una volta che le vittime recuperano coscienza e consapevolezza, e decidono di chiedere giustizia...qualcuno mi spiega perchè cazzo in quasi tutte le testimonianze che si leggono vanno tutti dal vescovo o comunque dall'ecclesiasitoc di turno invece che dalle forze dellì'ordine??
Questo aspetto a mio parere apre a tante riflessioni...che lascio a voi..
edoardo

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Infatti fosse capitato a me o a qualche familiare,mi sarei rivolto direttamente alle forze dell'ordine,poichè per l'oste il vino risulta sempre buono...

Saluti,

&& S.I. &&