mercoledì 24 agosto 2016

Il devastante sisma in provincia di Rieti





Dalle prime ore e nei giorni successivi non ho dubbi che l'organizzazione della protezione civile italiana eserciterà tutto il possibile nel salvare vite e raccogliere le vittime sotto le macerie,oltre organizzare le tende da campo per ospitare i sopravvissuti del terremoto,almeno nelle prossime settimane,da ottobre ci sarà necessità di case provvisorie per affrontare la stagione invernale.

Dopo si dovrà necessariamente pensare a un colossale investimento su come proteggere gli antichi edifici da queste catastrofi,la tecnologia esiste è sufficiente informarsi,le regioni a rischio purtroppo sono molte,ma se si vorrà difendere dalle cicliche devastazioni dei terremoti che si susseguono in questa martoriata terra,non ci sono alternative.

Rammentando che con un terremoto simile,se fosse successo in Giappone,come capita spesso nel paese del sol levante,i danni sarebbero stati quasi irrisori.

I.S.

iserentha@yahoo.it

2 commenti:

LaDama Bianca ha detto...

Vorrei saper scrivere tutto quello che mi passa per la mente ma al momento sono bloccata. E' solo terribile, non so dire altro.

Ivo Serenthà ha detto...

Oltre la commozione e il cordoglio,toccherà e chissà se la organizzeranno bene,iniziare con la prevenzione.

Altrimenti prepariamoci alle future lacrime.