sabato 13 ottobre 2012

La bella addormentata e la follia del potere





Marco Travaglio incontra Marco Bellocchio. Il vicedirettore del Fatto e il regista de “La bella addormentata” si sono confrontati sul tema “follia e potere”, prendendo come spunto l’ultima opera del cineasta di Bobbio. Il film racconta le giornate drammatiche che hanno portato alla morte di Eluana Englaro attraverso gli occhi del senatore Beffardi (interpretato da Toni Servillo) in crisi di coscienza. “Lo spettacolo decadente messo in scena dalla politica italiana in quei giorni – spiega Travaglio ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – rappresenta l’apoteosi della follia del potere. Basti pensare che, ricorda il giornalista, l’allora presidente del Consiglio sostenne che una ragazza in coma irreversibile da 17 anni fosse in grado di procreare. I nostri politici stanno per essere spazzati via, come nel ’92-’93. E paradossalmente – prosegue – i loro comportamenti sono ancora più indecenti e più smaccati che in passato. Evidentemente vivono in un mondo loro, un mondo di follia”.Storia, politica e psichiatria sono elementi che si intrecciano frequentemente nel cinema di Bellocchio. “Si dice che il pazzo – spiega il regista – non sia in grado di stabilire un rapporto con la realtà e con gli altri. Molti politici, presi unicamente dall’idea di conservare il proprio potere, non sono più capaci di essere umani, conclude Bellocchio



Rammento il periodo del drammatico epilogo della povera Eluana,dove alcuni politici si accanirono contro la sentenza di interruzione dell'alimentazione forzata,ipocritamente legati ai diktat della chiesa e con le agghiaccianti riflessioni del caimano,lui ha sempre saputo superare in negativo qualsiasi altro politico.

&& S.I. &&

per eventuali notifiche - iserentha@yahoo.it

2 commenti:

cristiana2011 ha detto...

Un'autentica follia, quella che fa straparlare e che ottenebra tutti i sensi e i sentimenti.
Aggiungo che l'exexexex PdC era ed è un po' più folle.
Cristiana

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Non parlano per convinzioni personali,aprono la bocca per far sentire ciò che piace alla chiesa,mantenersela buona è positivo,vengono perdonate molte vergogne,è la teoria di una mano lava l'altra...

Ciao