mercoledì 29 agosto 2012

Con tutte quelle bollicine..


Tasse senza gas

di Massimo Gramellini

Ma quanto è ipocrita tassare le bevande gasate, contrabbandando la cannuccia assetata dello Stato per espressione di moralità. Non mi scandalizza che il governo utilizzi la leva fiscale per distillare ai cittadini qualche gocciolina di educazione: se non civica e sentimentale, entrambe drammaticamente latitanti nelle famiglie, almeno alimentare. Mi irrita piuttosto che usi quella leva al contrario. Un ministro della Salute che ha davvero a cuore la salute dei suoi amministrati non tassa le bibite che fanno male. Detassa quelle che fanno bene.

Per convincermi a trarre felicità da una minestra di farro e da un succo di mirtillo, o quantomeno a sperimentarne l’eventualità, la soluzione più semplice e anche più ovvia consiste nel rendermeli meno costosi di un hamburger a tre strati o di una bibita zuccherata. Invece qualsiasi governo, tecnico o politico, di destra o di sinistra, preferirà sempre tassare il vizio che detassare la virtù. E questo perché della virtù, reale o presunta, ai governanti non importa un fico. A loro interessa rastrellare soldi per continuare a mantenere il carrozzone di famigli che è andato stratificandosi nei decenni, fino a comporre la più elefantiaca, corrotta e intangibile burocrazia della storia umana. Sarebbe onesto, ma soprattutto adulto, quell’amministratore pubblico che avesse il coraggio di ammetterlo, anziché escogitare sempre nuovi espedienti, addirittura etici, per placare la sua sete inestinguibile di liquidità.




Con la pressione fiscale e la tassazione italiana,rastrellata ai soliti noti sia ben chiaro,potremmo avere una sanità a 4/5 stelle,invece buona parte delle risorse vanno nelle varie truffe e mazzette legate alle forniture ospedaliere,e se serve una visita urgente tocca sganciare 150 euro al luminare di turno,e le bollicine potrebbero rimanere intatte e senza aggravi.

&& S.I. &&

per eventuali notifiche - iserentha@yahoo.it

1 commento:

LaDama Bianca ha detto...

Ennesima normativa che fa ridere. Se solo non si avesse voglia di piangere.