venerdì 13 aprile 2012

Ciao Flavio



La vita seria

di Massimo Gramellini

Ragazzino, come mai cammini accanto ai binari del treno? Vado per la mia strada, risponde Flavio alla donna di Moncalieri che lo interroga dal bordo del viale. Meglio allontanarsi dalla città, seguire il percorso della ferrovia finché ci sono soltanto prati intorno. E’ allora che il ragazzino posa a terra lo zaino e corre fra i binari con un tempismo perfetto che impedisce al macchinista di frenare. Aveva quindici anni e un quattro e mezzo di matematica nel suo diario. Adesso scaveranno sulla sua famiglia, il genitore duro, il genitore assente. Tutto vero, tutto relativo. Di assoluto c’è solo quel gesto che sembra ricordarci qualcosa.

I nostri quindici anni. Quando la vita è ancora una cosa seria da prendere molto sul serio, senza chiaroscuri né ironie a farci da guscio. Quando un quattro a scuola non è un quattro, ma una sentenza definitiva. E lo sfiorire del primo amore diventa l’archetipo irripetibile di ogni sofferenza futura, come ricorda Nick Hornby alla fidanzata trentenne che lo ha lasciato, nell’incipit memorabile di Alta fedeltà: «Se volevi davvero incasinarmi, dovevi arrivare prima». Perché poi la vita cambia e ci cambia, rendendoci disponibili ai compromessi, ai ragionamenti, alle lusinghe del buon senso e della convenienza. Uno impara a dominare gli istinti, a mentire a se stesso oltre che agli altri, a osservare la realtà in diagonale e non sempre di petto. Ma non tutti arrivano a questo stadio. Qualcuno si ferma prima. Perché più idealista, più tormentato, più debole. Nessuno lo incolpi e nessuno si senta in colpa. Flavio è andato per la sua strada e a me viene soltanto da dirgli ciao.



Durante il periodo dell'adolescenza tutto può diventare drammaticamente esplosivo,senza poter comprendere chi può avere responsabilità,a volte possono risultare palesi,al contrario rimane un senso di vuoto per tutti e l'inizio del percorso sui binari.

&& S.I. &&


per eventuali notifiche


iserentha@yahoo.it

4 commenti:

Gianna ha detto...

No, non si può colpevolizzare nessuno.

L'età adolescenziale è delicata, oggi giorno ancora di più...

Ciao Flavio.

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Spero che possa essere questa drammatica esperienza,una leva per una maggiore attenzione verso i ragazzi.

Ciao Gianna

Lara ha detto...

Caro Ivo, la nostra attenzione verso i ragazzi, in particolare - ma non solo- agli adolescenti, è tragicamente in calo.
Questo da parte della società che pure dovrebbe avere un ruolo importante nell'educazione del singolo. E dei genitori in questo caso non so nulla. Rimane solo questa tragica morte e l'augurio che fai tu.
Speriamo che possa essere un modo di essere più positivamente presenti.
Un caro saluto,
Lara

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Carissima Lara,

Il nostro tempo è stato organizzato per una corsa a senso unico su lavoro e consumo,i momenti da concentrare verso la famiglia e l'educazione si sono notevolmente ristretti,perlomeno questi devono essere riempiti con molta attenzione,poichè a volte si può andare in difficoltà nonostante non si abbiano apparentemente problemi di coscienza.

Ti auguro tutto il bene possibile

Ciao