lunedì 3 ottobre 2011

Tutti i record mondiali di palpate del presidente



[ dall'inserto satirico ]

Dopo i mangiatori d'anguria anche il nostro premier entra nell'albo dei record. Infilando le mani nelle tette di 122 ragazze in un minuto netto. E per evitare polemiche il cardinal Bertone sarà presente alla Giornata mondiale

di Michele Serra

Un altro italiano entra nel Guinness dei Primati. Dopo Bepi Stramagnin, unico al mondo capace di mangiare 89 fette d'anguria in un'ora, e i fratelli Pirizzi, che hanno attraversato in tandem subacqueo il porto di Siracusa, è la volta di Silvio Berlusconi, che davanti a un notaio è riuscito a infilare una mano nelle tette a centoventidue ragazze in un minuto netto.

Volontarie. Le ragazze che hanno consentito al nostro premier di conseguire un risultato così prestigioso erano tutte volontarie tra i sedici e i venticinque anni, quasi tutte accompagnate dai genitori orgogliosi. "Farsi brancicare le tette da un uomo così straordinario", ha detto una delle madri, "è il sogno di ogni ragazza italiana. Chi lo nega, è solo invidioso".

Le conseguenze politiche. Per partecipare alla prova, ospitata in un bowling della periferia di Mosca messo a disposizione dall'amico Putin, il premier ha dovuto rinunciare a un vertice mondiale sulla crisi economica. La sua assenza, accolta con gratitudine e sollievo dai leader di tutto il mondo, viene considerata, in un comunicato ufficiale, "un gesto di buona volontà e di amicizia". Il governo italiano, per garantire comunque una presenza simbolica, ha spedito al vertice un breve elenco di barzellette di Berlusconi, tradotte in dieci lingue e divise in due comodi capitoletti: barzellette sulla cacca e barzellette sul moccio del naso. "Raccontare barzellette sulla cacca o sul moccio del naso a un vertice mondiale - recita un comunicato di Palazzo Chigi - è il sogno di ogni italiano. Chi lo nega, è solo invidioso".

La Chiesa. "Pur comprendendo l'importanza della presenza italiana nel Guinness dei primati - ha commentato il cardinal Tarcisio Bertone - ci chiediamo se i comportamenti pubblici di un cattolico possano conciliarsi con gli schiamazzi e le urla di incoraggiamento che hanno accompagnato la prestazione, pur rilevante, del capo del governo. La Cei auspica che il prossimo appuntamento del capo del governo con il Guinness dei primati, in occasione della Giornata mondiale della Palpata di culo, si svolga a porte chiuse". I vaticanisti considerano nevralgico, nei rapporti tra Chiesa e governo italiano, quanto deciderà il cardinal Bertone: invitato da Berlusconi all'imminente Giornata mondiale, diserterà o sarà presente, in segno di distensione? Secondo fonti autorevoli d'Oltretevere, il cardinal Bertone ci andrà, perché "partecipare alla Giornata mondiale della Palpata di culo è il sogno di ogni italiano, e chi lo nega è invidioso"

L'opposizione.

La notizia della nuova impresa di Berlusconi è stata accolta con molto scetticismo dall'opposizione: "Sono le solite vanterie sessuali", ha dichiarato Bersani, "le ragazze palpate saranno al massimo una cinquantina. Ci facciamo ridere dietro da tutto il mondo". Durissima la replica del governo: "Farsi ridere dietro da tutto il mondo è il sogno di ogni italiano", ha dichiarato l'onorevole Cicchitto, "e chi lo nega è solo invidioso".

Nuove intercettazioni. Secondo nuove intercettazioni rese pubbliche dalla Procura di Nairobi, il premier telefonerebbe ogni sera a una donna scelta a caso nell'elenco telefonico di Nairobi pronunciando pesanti complimenti e facendo avances sessuali. Il governo, compatto, si stringe attorno al premier: "Telefonare a una donna di Nairobi scelta a caso e farle pesanti complimenti è il sogno di ogni italiano, e chi lo nega è solo invidioso".

Errata corrige. Ai lettori. Un paio d'anni fa, in questa rubrica, si scriveva che Berlusconi aveva commissionato "un torpedone di bagasce". Nelle intercettazioni pubblicate dai quotidiani nei giorni scorsi si parla invece della necessità di trasportare le ragazze a casa Berlusconi "con un caravan". Non si trattava dunque di un torpedone, ma di un caravan. Ce ne scusiamo con i lettori e con gli interessati.



In fatto di palpate non ci batte nessuno,siamo o non siamo come disse lui un tempo,il paese con le segretarie più belle che ci invidia tutto il pianeta...
Pare che le segretarie più interessanti,quelle che ci invidiano di più sono quelle che iniziano la giornata e finiscono la serata "sotto la scrivania".

[ Kenzo ]


per eventuali rettifiche


iserentha@yahoo.it



2 commenti:

MaiaDesnuda ha detto...

E il peggio è che non ci si vergogna più di niente.
Un abbraccio.

cristiana2011 ha detto...

Appena 122?
Lo facevo più meccanizzato.
Cristiana