lunedì 28 febbraio 2011

I 150 anni dell'Unità d'Italia tra lapislazzuli e swarovski,di Michele Serra



Una festa nel segno di Swarovski

di Michele Serra

Per festeggiare i 150 anni dell'unità d'Italia il governo deve barcamenarsi tra austerità e grandeur. Con effetti sorprendenti. Per esempio, Calderoli ha invitato Napolitano a Cascina Sbreganzona...


Parata militare


Berlusconi avrebbe voluto che fosse aperta dalle giovani allieve ufficiali, che lo eccitano molto, promettendo a ciascuna una baionetta Swarovski, una cartucciera Swarovski e - solo per le bersagliere - una tromba Swarovski. Le autorità militari, pur apprezzando l'interessamento, hanno fatto presente che Swarovski non è tra i fornitori ufficiali delle Forze armate. Comprendendo la situazione, il premier ha proposto di rinunciare a soldatesse e soldati, troppo prevedibili, e far sfilare centocinquanta ballerine in bikini Swarovski, ciascuna accompagnata da un reduce della battaglia di Solferino per sottolineare che, quando si è uniti dal patriottismo, la differenza di età non conta. Le autorità militari hanno comunicato a Berlusconi che l'ultimo reduce di Solferino è morto nel 1937. Contrariato, il premier ha affidato a Gianni Letta il compito di coordinare la parata militare, in collaborazione con il Capo di Stato Maggiore e con il rappresentante in Italia della Swarovski. 

La Lega


 Bossi ha fatto sapere che il volo delle Frecce Tricolori nei cieli del Nord Italia per la Lega non costituisce un problema, purché avvenga solo sopra le città munite di antiaerea. Calderoli, famoso per i suoi abili compromessi, ha proposto a Napolitano di festeggiare il 17 marzo a Cascina Sbreganzona, il paesino lombardo che contende a Roma il titolo di capitale d'Italia da quando, nel 1912, il suo sindaco uscì di senno. Le famose salamelle con fagioli e carote che hanno reso celebre Cascina Sbreganzona sono state già inviate a Napolitano per invogliarlo a partecipare. 

Ospiti stranieri



 Il palco delle autorità si preannuncia affollatissimo, grazie all'interessamento di Berlusconi che ha diramato personalmente gli inviti. Oltre all'amico Putin, che approfitterà della visita per passare da Arcore e recuperare almeno le scarpe, ci saranno l'amico Gheddafi, per l'occasione in uniforme da Comandante di plotone di esecuzione, e il dittatore di Bananas Hugo Matamoros, grande appassionato d'arte italiana e collezionista di ritratti di Berlusconi e dei suoi familiari. In rappresentanza dell'Europa, una nipote di Radetzky. In rappresentanza degli Usa, Paris Hilton. In rappresentanza dell'Africa nera, lo stesso Berlusconi, per dare alla cerimonia un tocco di simpatica informalità, si presenterà travestito da re Bingo Bongo, raccontando alcune barzellette sui cannibali.

Fiat


 La Fiat lancerà per l'occasione un nuovo modello, la Caprera, costruita basandosi sui disegni originali di Garibaldi. Ha una linea molto filante e può ospitare fino a otto persone, ma è una barca a remi. Per il mercato americano è pronta la Due Mondi, una limousine lunga più di sette metri formata unendo due Panda con una cerniera lampo.





I lapislazzuli verranno offerti a festa finita,naturalmente nelle sedi faraoniche del premier,in busta chiusa e se  la celebrazione intorno a lui sarà all'altezza della situazione.


P.s.


Perdoniamo Michele Serra per la citazione sulla presenza dell'amico Gheddafi,evidentemente pare giustificata la sua assenza,con tutta probabilità definitiva.....


[ Kenzo ]

1 commento:

Stella ha detto...

Pensavo di esserne omaggiata pure io...