giovedì 10 febbraio 2011

Alle Molinette di Torino,trapianto di rene con sangue incompatibile



La professoressa Giuliana Toniarelli del reparto trapianti renali


Il donatore di rene ha un gruppo sanguigno incompatibile con quello del ricevente, ma il trapianto di rene eseguito al centro specializzato delle Molinette di Torino, è riuscito egualmente, ricorrendo alla rimozione degli anticorpi.

L’intervento - spiega l’azienda l’ospedaliera - è stato eseguito a metà dicembre: un uomo di 58 anni, con gruppo sanguigno 0, ha ricevuto un rene dalla moglie quarantottenne, con sangue di gruppo A.

Con questa donazione atipica si è risolta così il caso di un paziente affetto da insufficienza renale causata da glomerulonefrite, da due anni sottoposto a dialisi.

A due mesi dal trapianto, l’uomo ha ora un rene perfettamente funzionante e non ha più necessità del trattamento dialitico. A rendere possibile il buon esito dell’intervento è stata la "desensibilizzazione", cioè la rimozione degli anticorpi potenzialmente dannosi.

Con questo trattamento si è posto rimedio alle conseguenze dell’incompatibilità di gruppo sanguigno, l’aggressione dell’organo trapiantato da parte degli anticorpi che ogni individuo possiede naturalmente verso i gruppi sanguigni non compatibili con il suo.

C'è da commuoversi pensando alla persona che da ieri non dovrà più sottoporsi a dialisi,una pratica vitale che risulta devastante per chi ne soffre,e sapere che è stato possibile con questa nuova tecnologia terapeutica,da ancora più soddisfazione,poichè apre scenari di ulteriori possibilità per altre vittime di questa malattia.

@ Dalida @

1 commento:

Stella ha detto...

Grandi professionisti alle Molinette di Torino!