mercoledì 30 giugno 2010

Contro la legge bavaglio anche skyTg24

L'intervista al Direttore del canale satellitare "Emilio Carelli"



E' possibile assistere alle edizioni di SkyTg24 tramite il web

CLICK SKYTG24


di Lorenzo Galeazzi

Dopo che l’amministratore delegato di Sky Italia, Tom Mockridge, ha annunciato che si opporrà con tutte le forze all'approvazione del ddl sulle intercettazioni (finendo in galera, se necessario), ilfattoquoti  diano.it   ha intervistato il direttore di Sky Tg 24, Emilio Carelli. Ecco alcuni passaggi dell’intervista.

Direttore, fino a dove è disposto ad arrivare per continuare a dare le notizie?

Io penso che non si debba mai violare la legge, anche se faremo di tutto per continuare a dare le notizie.

E nel caso non avesse scelta?

Questa è una decisione delicata che prenderemo di comune accordo con l'editore e che valuteremo caso per caso. Sicuramente di fronte a fatti importanti come notizie di mafia, di terrorismo o di corruzione, non siamo disposti a fermarci.

Chi vuole questa legge agita il diritto alla privacy dei cittadini. Al Fatto siamo però convinti che sia solo un pretesto per limitare il lavoro della magistratura e della stampa nel reprimere e denunciare il malaffare. Lei la pensa come noi?

La privacy è un diritto sacrosanto che in Italia è ampiamente tutelato. Purtroppo in questi ultimi anni ci sono stati colleghi giornalisti che hanno esagerato nella pubblicazione di pezzi che non contenevano notizie, ma solo aspetti piccanti della vita privata di vari personaggi. E questi sono abusi da biasimare. In questo contesto la difesa della privacy è diventata un pretesto. Ma c'è da dire che qualche collega ha offerto al governo questo pretesto.

A chi si riferisce?

In questi ultimi due anni si è inutilmente violato il diritto alla privacy dei cittadini. E questo abuso oggi noi tutti lo paghiamo con una legge come questa.

Mi fa qualche esempio?

Esempi non ne voglio fare. Ma mi riferisco però a quei casi in cui si sono riportati fatti inerenti alla vita sessuale di personaggi, quando questi non avevano nessuna attinenza con dei reati o con delle notizie di reati.

Le faccio io un esempio.

L'intervista di Annozero a

Patrizia D'Addario, andata in onda il primo ottobre

scorso, l'avrebbe trasmessa?

Noi siamo stati il primo giornale a intervistare la D'Addario. Lo abbiamo fatto in tempi non sospetti, nel pieno dell'inchiesta e molti mesi prima di San-toro. E non lo abbiamo fatto dandole uno spazio così ampio. Sky Tg 24 le ha fatto un'intervista giornalistica di pochi minuti legata alle ipotesi di reato e di corruzione. Solamente questo. Non abbiamo fatto un'intervista per sfrugugliare fra le lenzuola della gente.

La legge bavaglio è stata duramente criticata anche dalle toghe.

C'è un problema di fondo: il rapporto non risolto fra politica e magistratura. L'abolizione dell'immunità parlamentare ha fatto sì che questo equilibrio si sia sbilanciato. So che è impopolare dire queste cose, ma in passato alcuni magistrati se ne sono approfittati. Dall'altra parte questa legge prevede norme che disinneschi e riduca il potere della magistratura. Io auspico che si torni a un equilibrio dei due poteri.

A proposito di giustizia il commissario europeo Viviane Reding ha bocciato il ddl dicendo che verificherà la compatibilità del testo di questa legge con le norme comunitarie. Che ruolo può avere Bruxelles in questa partita?

Sta agli Stati sovrani decidere in queste materie. Ma l'Europa può avere un ruolo a livello di pressione e di sensibilizzazione. Noi di Sky abbiamo già annunciato che in caso di approvazione , se rimarranno delle norme molto restrittive, faremo ricorso a tutte le autorità competenti, sia italiane che europee: dal Parlamento alla Commissione, fino alla Corte europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo.

Noi del Fatto siamo convinti che, nel caso la legge bavaglio diventi operativa, Internet rimarrebbe l'unico strumento per continuare a dare le notizie.

So bene che, almeno in teoria, con un dominio registrato all'estero, si possono scavalcare queste norme. Ma mi permetta di dire che è estremamente triste solo pensare che un giornalista italiano si debba trasformare in una sorta di carbonaro e pubblicare dall'estero notizie che riguardano l'Italia. Il tutto per non subire le conseguenze di questa legge. Spero proprio che non saremo obbligati a utilizzare questi mezzi.



Chiunque sia fuori dall'influenza del sultano,esprime la notevole contrarietà ad una legge che porterà in buona parte l'Italia fuori dalla comunità europea,non potrebbe esistere una legge simile in tutto il continente,o almeno nella parte dove la democrazia è da anni una realtà.
Sebbene sia importantissimo il rispetto della privacy,non si può in nome di quest'ultima mettere un bavaglio all'informazione,sarebbe stato sufficiente inserire dei paletti sulla possibilità d'informazione,rispettando ciò che di ininfluente è emerso in questi anni.

&& S.I. &&

5 commenti:

ballo777 ha detto...

SKY non chiede i nostri soldi (soldi pubblici) come ha fatto Rai e Mediaset per il DTT.

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Non è da considerare uno stinco di santo anche Rupert Murdoch,possiamo prendere atto che il canale satellitare è abituato alla libera informazione,magari di parte ma sempre possibile senza alcun bavaglio.

&& S.I. &&

Anonimo ha detto...

SKY, forse è vero, cavalca alcuni argomenti. Ma lo fa mettendoci la faccia e rischiando in prima persona.

craig80 ha detto...

meno male ke almeno quelli di sky hanno avuto il coraggio di opporsi a questa legge...tutti gli altri dovrebbero prenderne esempio...

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Effettivamente le voci fuori dal coro sono pochine,meglio contarle e tenere ben presente chi siano.

Fortunatamente esiste il web a prescindere dalle parabole satellitari.